lunedì 15 aprile 2013

Di foglie, lamine e martelli...

Partiamo dalle foglie: orecchini in rame interamente lavorati a mano. Per la realizzazione delle foglie ho utilizzato la tecnica del fold forming. Il risultato, cercato e no, sono delle foglie completamente diverse da quelle che mi è capitato di realizzare finora. Una diverstà voluta, ma anche casuale, dicevo poc'anzi: eh sì, perchè quando si lavora manualmente il metallo (almeno, con le modeste/maldestre tecniche del non professionista) non c'è verso che un pezzo risulti identico ad un altro. Mi è capitato di realizzare anche più di una copia di uno stesso oggetto, ma il risultato è sempre un pochino diverso. Basta una minima diversità di intensità di fiamma o di forza nella martellatura o di chissà quale passaggio che il risultato finale cambia, fosse anche di poco. Ma torniamo alle foglie.


Fold forming, dicevo. E qui passiamo al secondo punto: la lamina. Ebbene, finora avevo sempre utilizzato lamina da 0,55. Poi un nuovo ordine mi ha portata a sperimentare la 0,40 (questa): al confronto pare di lavorare il burro, o quasi! Non me l'aspettavo una differenza così.


A completare il tutto, delle perline di un verde complicato da descrivere: verde, grigio, azzurro... Non lo so, fate voi, io dico solo che queste perline mi piacciono tanto.


E monachelle realizzate a mano, con pallina appiattita.


Infine, il martello. Solo per dire che sono intervenuta con una modifica a una delle teste del mio martello "da combattimento" utilizzandola per la prima volta qui. Ho voluto la modifica per arrivare a una texture di linee orizzontali che mi soddisfacesse, ma interverrò ancora. Intanto... è andata così.


Ciao a tutti!

20 commenti:

  1. Risposte
    1. No dai Grazia, non esagerare! Grazie mille :-)

      Elimina
  2. Molto belle queste foglie^^!

    RispondiElimina
  3. Mi piacciono queste foglie soprattutto la texture. Anche il braccialetto del post precedente mi piace molto.
    Ciao Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissima Cristina, grazie! Con me, anche il martello ringrazia (per la texture) :-)

      Elimina
  4. Complimenti, sono davvero molto belli, io adoro le foglie!!
    Buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmen grazie, sono felice che ti piacciano, tanto più se sei un'amante delle foglie. Grazie mille e buona settimana anche a te :-)

      Elimina
  5. Davvero brava!!! Ti ho scoperta nei blog preferiti di magike mani... E' proprio un piacere conoscerti!
    Se hai tempo e voglio passa a trovarmi: http://bijouxgioieearte.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, piacere di incontrarti e grazie mille per le tue parole! Certo che passo a trovarti. Grazie :-)

      Elimina
  6. Li trovo molto belli... si si si!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libby grazie davvero! Un abbraccio (da una circa coetanea che silenziosa ti legge e, per tante cose, ti capisce)

      Elimina
  7. Deliziose queste foglie! :-)
    Bravissimissimaaaaa!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei carinissima Debora, grazie mille!! :-)

      Elimina
  8. bellissimi! anche io finora ho usato una lamina spessa e devo dire che ti limita molto: mi arrabbio sempre perchè non mi vengono certe cose, ma credo di aver capito che con la lamina da 0,5 non è proprio possibile farle venire!
    non immaginavo ci fosse sta gran differenza tra 0,5 e 0,4 e invece mi sa che c'è eccome :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Jò! Guarda, io finora ho sempre usato la 0,55: pensavo di essere particolarmete imbranata io quando mi facevo male alle mani per cercare di aprire certe piegature usando una forza sovrumana... Con la 0,4 è un altro pianeta. Ti dirò di più: secondo me per lavori come le famose "barchette" in fold forming ce ne vuole una ancora più sottile (0,30?), ma è solo un'ipotesi (di certo c'è che finora con le lamine più spesse non sono riuscita a farle le barchette...). Tuttavia la sicurezza (intesa come solidità, indeformabilità) del pezzo finito che mi dà la 0,55 è irraggiungibile: perfetto compromesso tra solidità e leggerezza. Se fai esperimenti fammi sapere :-)

      Elimina
    2. oh, allora non sono imbranata io che non riesco a aprire quelle maledette pieghe!!
      è colpa della lamina! che sollievo ;)
      devo assolutamente procurarmi lamine + sottile, di ogni metallo.
      quella che ho la utilizzerò per lo stamping, che per quello è perfetta ;)

      Elimina
    3. Adoro i tuoi "stamping", le stelline le chiocchioline... Io ci sto proprio lavorando in questi giorni, ma con strumenti non proprio ortodossi... vedremo :-)

      Elimina
  9. Mi ricordano le foglie del fico beniamino, quando si seccano e la nervatura centrale si evidenzia maggiormente.
    Gran bel lavoro, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mitica Paola: come modello ho utilizzato proprio una folgiolina di fico beniamino! Grazie mille :-)

      Elimina

Commenti, consigli, suggerimenti... sarà un piacere riceverli: grazie!